Dipingere il cuoio in 3 semplici step

da Giacomo Bellisi
16 visualizzazioni

Per tanto tempo mi sono limitato ad utilizzare solo due colori per dipingere il cuoio; di tanto in tanto provavo qualche variante, ma poi tornavo quasi sempre nella mia comfort zone (Rhinox Hide + Doombull Brown della GW).

È solo con il recente inserimento del Trol Slayer Orange che mi si è “aperto un mondo”, non soltanto in quella che è la pittura del cuoio, ma a livello generale nella scelta dei colori.

thinox hide doombull brown troll slayer orange per dipingere il cuoio

Abbiamo visto nell’articolo sul layering come è possibile realizzare ombre e luci utilizzando la sola tecnica del layering, senza ricorrere a wash e pennello asciutto. Anche in questo caso (un altro pirata, questa volta umano, della serie Cutlass! della Black Scorpion) per realizzare il cuoio della giacca ho utilizzato la sola tecnica del layering.

  1. Base di Rhinox Hide senza preoccuparmi troppo delle zone meno coprenti, questo perché in un secondo momento so già che andrò ad aggiungere diversi layer ed anche perché in un cuoio un po’ più liso zone un po’ più scolorite non disturbano;
  2. Layer, diversi e abbastanza trasparenti, di Rhinox Hide e Doombull Brown per andare a marcare i punti di luce;
  3. Layer, diversi e molto diluiti, di Troll Slayer Orange nei punti idealmente più esposti alla luce.

All’inizio di questo brevissimo articolo ho parlato del fatto che mi si è “aperto un mondo” grazie alla pittura del cuoio ed alla scelta del Troll Slayer per andare a marcare gli highlight, questo perché dare una maggiore profondità bisogna spingersi verso un contrasto maggiore senza aver paura di uscire dalla propria comfort zone (e non vale solamente per la pittura di miniature!). Inoltre, guardando il Troll Slayer decontestualizzato, la prima cosa a cui penseremo è probabilmente “zucca”, “arancia” o qualunque altra cosa con una predominante arancione, a meno di essere un conciatore difficilmente penseremo al cuoio. Se guardiamo il cuoio da vicino, soprattutto quello più graffiato o consunto (come nell’immagine in evidenza dell’articolo) noteremo come l’arancione è assolutamente predominante e, con il senno di poi, mi sarei potuto spingere decisamente più in là con l’arancione ed il modello ne avrebbe sicuramente giovato.

Per quanto, asfissiante ed estenuante lavoro permettendo, io stia migliorando, sono ancora molto distante dal raggiungere quello che vorrei con la mia pittura; però vale la pena di sottolineare ancora una volta, a voi e a me (soprattutto a me!), che 1. Repetita Iuvant e 2. cerchiamo in ogni modello di uscire un po’ dalla nostra comfort zone e la pittura non potrà che guadagnarci.

Articoli Correlati

Lascia un commento

* Utilizzando questo form sei consapevole del fatto che condividerai con noi alcuni dei tuoi dati. Per maggiori informazioni puoi visitare la nostra Privacy Policy.